Ognuno diventa un editore con Glossi

  • Ognuno diventa un editore con Glossi
  • Ognuno diventa un editore con Glossi
  • Ognuno diventa un editore con Glossi
  • Ognuno diventa un editore con Glossi
  • Ognuno diventa un editore con Glossi

Dopo aver visto la democratizzazione della scrittura con il blogging e i tweeting, della fotografia con gli smartphone e i filtri di Instagram, con Glossi, ognuno di noi adesso potrà diventare editore. Glossi (glossi.com) è un nuovo strumento di publishing digitale che permette agli utenti di creare le proprie riviste online. E’ il modo più semplice per creare, personalizzare e condividere i propri interessi e passioni, organizzandoli in riviste digitali, attraverso il web, visionandoli tranquillamente su laptop, tablet e smartphone. E’ uno strumento che non ci fa rinunciare al piacere di sentire il fruscio delle pagine quando vengono sfogliate, offrendo l’esperienza digitale di “apertura” della rivista e di “flipping” delle pagine usando il mouse.

 

Glossi nel content marketing delle aziende e dei consumatori

Creato dalla società di social commerce ThisNext, l’obiettivo di Glossi è quello di cambiare il nostro modo di consumare contenuti digitali, di espandersi al di là del mondo del commercio e dell’editoria digitale, diventando uno strumento privilegiato nel content marketing delle aziende e dei consumatori stessi. Marchi come DKNY, Nine West, riviste come Cosmopolitan, Lucky Magazine, icone della moda come Nina Garcia e tanti altri sono già presenti su Glossi. Ora che Glossi offre avanzate funzionalità sia per la personalizzazione, la distribuzione e la condivisione nelle piattaforme social, mobile che web, gli editori, i blogger nonché gli i consumatori stessi, possono creare finalmente esperienze uniche di contenuti, amplificandone la viralità in Rete.

 

 “Il comportamento del consumo/usufruizione dei contenuti in Rete sta cambiando profondamente” –ha detto Matt Edelman, fondatore di Glossi nonché Chief Executive Editor – i contenuti degli utenti, degli opinion leader della Rete diventano sempre di più i veri protagonisti da leggere e ascoltare per le aziende stesse, lottando anche loro stesse per distinguersi e dare del contenuto di valore ai consumatori. “

La stessa Maren Hartman, direttrice della United States Content presso la WGSN, società d’analisi sulle tendenze e previsioni dei comportamenti dei consumatori nel campo della moda, ha  evidenziato come al di là dell’attrattiva delle pagine che Glossi permette di realizzare, lo strumento riflette sopratutto la crescente importanza dell’esperienza dello “user customization online. “Si tratta di coinvolgere il consumatore a produrre i contenuti  di suo interesse. - dice Maren Hartman - “Ecco perchè lo stesso Pinterest esiste e sta crescendo, diventando il leader nella produzione di visual content” .

 

Come funziona

Gli utenti possono caricare nelle pubblicazioni digitali qualsiasi contenuto multimediale, audio, video, testo, pdf e poi pagina per pagina, trascinarli e posizionarli come meglio desiderano, inserendo anche del testo.  Con le ultime novità introdotte, ora è possibile incorporare le riviste all’interno di un blog, un sito web o la stessa pagina di Facebook, nonchè  cercare immagini su Google direttamente dal Glossi Editor.
Per la gioia dei marketers, si possono gestire dei contest su Glossi dando la possibilità agli utenti di un sito e ai fan di partecipare attivamente alla creazione dei contenuti, avviare l’e-commerce all’interno delle stesse pagine di Glossi, allegando  informazioni sul prezzo, e dettagli sul prodotto, con link diretti ai siti di e-commerce nei quali gli articoli possono essere acquistati.

 

Quale futuro?

Al momento la piattaforma Glossi è libera – “Non ci sentiamo di dover far pagare gli utenti per la creazione dei loro contenuti, perchè noi stessi stiamo ancora imparando come sviluppare al meglio tutte le potenzialità di Glossi “ – dice Matt Edelman -“In futuro abbiamo previsto diversi opzioni per account free e premium con prezzi differenziati. Stiamo studiando delle soluzioni per aiutare le aziende e le persone a  distribuire e monetizzare le riviste degli utenti e delle aziende”

 

Non resta che godersi il piacere di sfogliare le riviste con la stessa curiosità di quando sono acquistate in edicola.

Share This

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>